Box

Nel bosco il bianco cavallo dagli 
occhi azzurri

rincorreva un’aquila in volo verso il sole.

L’aria era 
rosa e i fiori erano allegri.

Alla sera l’amore della luna scaldava il 
cuore

di un criceto.



Sofia T.

--------------------------------------------------------------------

  prossima edizione
Festival POESTATE 2013
17° edizione
da giovedi 30 maggio a sabato 1 giugno
Patio Palazzo Civico in Piazza Riforma a Lugano
Entrata libera
- programma in allestimento -

---------------------------------------------------------------------

Comunicato stampa

LETTURE
in collaborazione con il Festival POESTATE
Teatro Studio Foce Lugano
Venerdi 30 novembre 2012
Ore 17:30 - 22:30
 

Si accorciano le ombre sul mio viaggio

Incontri proposti da “alla chiara fonte” in collaborazione con il Dicastero Giovani ed Eventi e con il Festival POESTATE.

La serata inizierà con l’editore Walter Raffaeli e preseguirà con 6 poeti a confronto “Chiamavano l’onda per nome”:

Francesca Serragnoli, Maria Donata Villa, Massimiliano Mandorlo,
Elena Jurissevich, Andrea Bianchetti e Daniele Bernardi.


A seguire un doppio appuntamento con Mauro Valsangiacomo e con il poeta Gianfranco Lauretano. 
Concluderà la serata Roberto Mussapi con il commento e la lettura di de “I Frammenti dall'esistenza di Maria”. 
Ai presenti sarà offerto uno spuntino.

Entrata libera


eventi@lugano.ch ; info@poestate.ch
www.poestate.ch

---------------------------------------------------------------------

Festival POESTATE 2012, a fine rassegna un bilancio più che positivo

 

Si è chiusa con successo anche questa edizione di POESTATE, la rassegna che dal 1997 anni si impegna nella sua opera di diffusione della poesia, un linguaggio che purtroppo oggigiorno fatica ad arrivare alla gente e a essere compreso e apprezzato, nonostante la sua forza propulsiva e la sua portata non solo estetica, ma anche etica. 
Ma possiamo rincuorarci: la tre giorni che ha avuto luogo il primo fine settimana di giugno nel patio del Muncipio di Lugano ha avuto un successone di pubblico grazie agli ospiti presenti. I nomi importanti sono stati molti: da Giancarlo Majorino, che si è aggiudicato il Premio POESTATE 2012 aCorrado Augias, che ha tenuto una conferenza su Leopardi e l'Italia. E poi anche Giulia Niccolai, Fabian Casas, la poetessa cinese Xi Murong, Guido Oldani, Cinasky, la Compagnia delle poete, i ticinesi Flavio Stroppini e Margherita Coldesina e molti altri. La dimostrazione che il Festival POESTATE è sempre più internazionale è stato l'arrivo da Mosca del direttore del Museo dedicato al grande vate Evghenij Evtushenko per ritirare il Premio POESTATE già assegnatogli l'anno scorso. Il 5 luglio, poi, un riverbero di POESTATE a Piazza Riforma, con Estival Jazz: il doveroso omaggio al poeta Hermann Hesse, a cinquant'anni dalla scomparsa.

Verso l'inverno 
Tutta una serie di eventi collaterali hanno portato un po' di POESTATE anche a settembre, il mese che chiude la bella stagione e si prepara all'inverno, un momento di chiusura e raccoglimento il quale ben si appresta ad accogliere il messaggio o i messaggi poetici. 
Sabato 8 settembre un incontro al ristorante luganese Orologio ha voluto sfatare il mito: quello che la poesia sia un esercizio solipsistico lontano dai sensi. Non è così, e la brava Laura Garavaglia, poetessa comasca, e il nostro poeta Gilberto Isella hanno offerto i loro versi insieme al cibo e al vino. 
E poi, in un Cantone come il nostro, ancora legato alla tradizione e al valore del territorio, era importante anche fare un excursus sulla poesia dialettale. Ci sono stati due appuntamenti dedicati a questo tema, tutti presso il Circolo operaio educativo in Corso Pestalozzi a Lugano. Domenica 9 settembre con la poetessa Elena Ghielmini e domenica 23 settembre con il poeta Fernando Grignola. 
Gli appuntamenti di quest'anno sono terminati e sempre più si ha l'impressione di aver creato un nuovo nugolo, a Lugano e in tutto il Ticino, di persone che iniziano ad apprezzare la poesia e ad educare l'orecchio ai suoi ritmi e alle sue logiche. Lo scopo del Festival è soprattutto questo: avvicinare la gente alla scrittura in versi.

 

La nuova edizione aspettando POESTATE 2013 
Ora ci prepariamo alla prossima edizione, con entusiasmo e passione. Vogliamo creare ancora eventi importanti e magici, illuminare la nostra regione con il messaggio poetico, perché questo è un modo per “allenare l'intensità”, come ha giustamente sottolineato Giancarlo Majorino in un'intervista, di fronte alla domanda sul senso della poesia. E, in tempi come i nostri, è sempre più importante essere intensi e vivi. Poeticamente vivi. 
Appuntamento al 2013 con la 17esima edizione del Festival POESTATE come sempre a Lugano nel Patio di Palazzo Civico in piazza Riforma per il primo wk di giugno.

______________________________________________________
                                                                                               
Domenica, 9 settembre 2012 dalle ore 10.30
 Circolo Operaio Educativo – Corso Pestalozzi 27 – lato Rist. Cyrano
introducono:
Armida Demarta, direttrice e fondatrice di POESTATE
Lauro Degiorgi, presenta la poetessa
- Elena GHIELMINI (Sorengo)

 

Domenica, 23 settembre 2012 dalle ore 10.30
Circolo Operaio Educativo – Corso Pestalozzi 27 – lato Rist. Cyrano
introducono:
Armida Demarta, direttrice e fondatrice di POESTATE
Claudio Gianinazzi, presenta il Poeta
- Fernando GRIGNOLA (Agno)

 

Le letture di poesie saranno intercalate da intermezzi musicali con
Giampaolo BECCARINI,  chitarra
della scuola di Chitarra di Lugano

            
Il Circolo Operaio in collaborazione con il Festival POESTATE propone due matinées dedicate alla Poesia dialettale per recuperare una tradizione che fu per molto tempo centrale nella vita di questo Circolo.

Oggi l’occasione d’iniziare una riproposta della Poesia dialettale nel contesto delle attività pubbliche del Circolo Operaio Educativo è favorita dalla presenza del Festival POESTATE, di cui questa proposta è un evento collaterale che idealmente ne prolunga l’azione nel tempo, contribuendo nel contempo alla reciproca promozione.

Siamo certi che vorrete accogliere con favore questi due appuntamenti di fine estate che di fatto segnano la ripresa dell'attività sociale del Circolo. Che questa avvenga con due nostri poeti importanti  come Elena Ghielmini e Fernando Grignola, e un musicista come Giampaolo Beccarini, non può che essere di buon auspicio per il nostro inizio di stagione.

 

----------------------------------------------------------------------------------------

Fuori programma POESTATE 2012 
In collaborazione con Festival POESTATE 2012
Davide Rondoni 
Letture da “Apocalisse amore” e “Nell’arte, vivendo” 
LongLake Festival 
Giovedì 12 luglio ore 18:30 
Parco Ciani - Park&Read
Lugano

POESTATE®

* * *

-------------------------------------------------------------------------

In collaborazione con il Festival POESTATE 
5 luglio 2012
Estival Jazz Lugano
Piazza Riforma
omaggio a Hermann Hesse *
lettura con l'attore Claudio Moneta
Consegna Premio POESTATE  2012 per la collaborazione
Festival POESTATE / Estival Eventi / Estival Jazz

Da GERTRUD di Hermann Hesse
A partire dal mio sesto o settimo anno circa, ho capito
che di tutte le potenze invisibili la musica era destinata
a dominarmi. Da quell’istante, per quanto assetato
fossi di Dio, di conoscenza e di pace, tutto questo io
l’ho trovato sempre soltanto nella musica. Il solo fatto
che nel mondo esista la musica ha significato per me
sempre una giustificazione esistenziale. Ecco: ti viene
in mente una melodia, la canti nel tuo intimo ed essa
estingue tutto ciò che vi è in te di casuale, di
malvagio, di rozzo e di triste. E l’armonia, poi! Di
tutte le immaginazioni d’estasi pura, che popoli e
poeti abbiano sognato, la più alta e più intima mi è
sempre apparsa quella dell’ascolto dell’armonia delle
sfere: per un attimo solo udir risuonare l’edificio
dell’universo e l’unità di tutta quanta la vita, nella sua
segreta e innata armonia.
POESTATE®
Lugano
Switzerland
www.poestate.ch
Contatti : POESTATE, CP.4510, 6904, LUGANO, SVIZZERA ; info@poestate.ch 
Progetto Festival POESTATE a Lugano dal 1997 ideato e diretto da Armida Demarta
* * *

 

 


----------------------------------------------------------------------------------

Sergey Arkhangelov in TicinoGiugno 2012 – Il direttore del Museo della storia russa di Mosca, signor Sergey Arkhangelov, in rappresentanza del Ministro della cultura della Russia, in visita nel Ticino, ospite del Festival Poestate Lugano di Armida Demarta e del Centro culturale Il Rivellino LDV di Locarno.

Centro culturale Il Rivellino LDV di LocarnoVenerdí 1.6.2012

Il direttore del Museo della storia russa di Mosca, signor Sergey Arkhangelov, in rappresentanza del Ministro della cultura della Russia, ha visitato il Centro culturale Il Rivellino LDV, rimanendo favorevolmente impressionato dalle molteplici attività proposte.

I curatori del Centro culturale Il Rivellino LDV di Locarno, Arminio e Paolo Sciolli con Jean Olaniszyn, hanno 
concordato un protocollo d’intesa per una collaborazione con il Museo della storia russa di Mosca per delle proposte culturali Russia-Ticino.

Sergey Arkhangelov, direttore del Museo della storia russa di Mosca con Igor Zhuravkov della Fondazione Costantino di San Pietroburgo hanno inaugurato il nuovo  Spazio Hesse allestito al Rivellino.



 

Da sinistra: 
Jean Olaniszyn, fondatore del Museo Hermann Hesse di Montagnola; Sergey Arkhangelov, direttore del Museo della storia russa di Mosca; Igor Zhuravkov, Fondazione Costantino di San Pietroburgo; Arminio Sciolli co-curatore con Jean Olaniszyn e la consulenza del Prof. Giuseppe Curonici dell’Archivio Hermann Hesse, conservato nel Centro culturale Il Rivellino LDV di Locarno.

Festival Poestate 2012, Lugano – Sabato 2.6.2012

Sergey Arkhangelov, direttore del Museo della storia russa di Mosca e responsabile del museo dedicato a Evthushenko, con il Consigliere di Stato del Canton Ticino, On. Manuele Bertoli (Direttore del DECS, Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport) in occasione della consegna del “Premio POESTATE” per il grande vate russo Evgenij Evthushenko.


Festival Poestate 2012, Lugano, Patio del Palazzo Civico, 2.6.2012 /photo by Remy Steinegger

Festival POESTATE Lugano ”




Comunicato stampa

UNIWORDING il 2 giugno 2012 al  Festival  POESTATE 
Patio del Municipio, Piazza Riforma- Lugano – ingresso libero

Su iniziativa dell’ Associazione UNIWORDING*, l’ultima serata del Festival POESTATE, il prossimo 2 giugno,  vedrà la partecipazione fuori programma di un interprete di Lingua dei Segni per tradurre alcuni momenti della manifestazione. 
Sarà un’ occasione per ribadire non soltanto la presenza di persone sorde nel tessuto sociale e culturale, ma anche per suggerire un nuovo modo di intendere la lingua “segnata”, che saprà  in futuro guadagnarsi uno spazio  di interesse conoscitivo molto più vasto di quello occupato attualmente, spaziando ben “oltre la  siepe” che la costringe ad essere ancor oggi  vissuta come “una lingua diversa” .  
La lingua dei segni può essere intesa anche dalle persone udenti  come un  bellissimo mezzo di comunicazione.
Nel futuro sarà indubbiamente una prassi diffusa sapersi esprimere in varie parti del mondo utilizzando  i segni quale lingua ausiliaria: non più soltanto con le persone sorde, ma anche  in occasione di viaggi e di incontri fra lingue e culture sconosciute. Saper comunicare “segnando” sarà per chiunque “normale”: lo si farà in UNIWORDING, l’adattamento per un uso udente della Lingua dei Segni Internazionale.

UNIWORDING (durante la serata saranno disponibili i dépliant del progetto )  esiste in Ticino alcuni mesi, ha lo scopo di offrire una facile accessibilità d’apprendimento alla Lingua dei Segni Internazionale, e una conseguente maggiore visibilità di tutte le lingue dei segni esistenti.  Un mondo con cui parlare.
Il Festival POESTATE  è la prima occasione di uscita pubblica di UNIWORDING, sarà dunque la Poesia a tenere a battesimo una lingua poetica come quella dei segni.
* uniwording@gmail.com  0792597202  www.uniwording.com  

Festival POESTATE 2012 Lugano - dal 31 maggio al 2 giugno dalle ore 18:00 in avanti 
Patio Palazzo Civico;  Piazza Riforma - E

comunicato stampa

Centro culturale Il Rivellino LDV Locarno

www.ilrivellino.ch

PoestateLugano 2012 a Locarno 
Con la partecipazione di 
Associazione culturale TerraInsubre di Varese 
Associazione ISA, Canton Ticino

IL Rivellino LDV, via al Castello, Locarno

sabato 19 maggio 2012 
dalle ore 18.00 alle 24.00

Entrata libera

Sarà offerto un rinfresco

Odessa e i suoi poeti

Letture 
Margherita Coldesina 
Omaggio alle poetesse Anna Achmatova e Marina Svietaieva 
  
Anna Achmatova in un ritratto di Amedeo Modigliani

Attività collaterali

Vive les Femmes! 
Esposizione di opere e video delle artiste 
Gabriela Carbognani Hess, Ivana Falconi, Patrizia Mancuso, Mirella Carbone, Antinea Peruch, Rosita Peverelli, Piritta Martikainen, Maura Bartoli 
Accrochage di tele dell’artista ucraina Oksana Mas provenienti dal MOMA di Mosca 
Centro culturale Il Rivellino LDV Locarno 
Orari di apertura: 
giovedì e venerdì dalle 15 alle 18, sabato dalle 12 alle 16, o su prenotazione 
mail: artgallery@ilrivellino.ch 
tel: +41 (0)79 632 4378. 
Il Rivellino LDV 
Via al Castello 1 / angolo via B. Rusca 
CH-6600 Locarno 
www.ilrivellino.ch

 

POESTATE 
Festival di poesia a Lugano dal 1997 
Il progetto culturale Festival POESTATE è stato ideato e fondato da Armida Demarta nel 1997 a Lugano, direttrice, organizzatrice, e detentrice della proprietà intellettuale del marchio POESTATE 
Contatti : POESTATE, CP.4510, 6904, LUGANO, SVIZZERA ; info@poestate.ch ; www.poestate.ch 
Festival POESTATE 2012 Lugano 
Con il patrocinio della Città di Lugano 
16a Edizione 
dal 31 maggio al 2 giugno 2012

Edizione 2012 dedicata a Hermann Hesse 
a cinquant’anni dalla scomparsa del premio Nobel della letteratura 1962-2012 vissuto in Ticino dal 1919 al 1962 a Montagnola, 
dove sorge il museo Hermann Hesse fondato da Jean Olaniszyn nel 1997

Patio del Municipio 
Piazza Riforma 
più eventi collaterali in altri luoghi e in altre date

Ingresso libero 
Festival di poesia a Lugano dal 1997

Direzione e organizzazione 
Armida Demarta fondatrice del progetto culturale Festival POESTATE

info@poestate.ch

Entrata libera – www.poestate.ch - info@poestate.ch


3 giugno 2012

 

Ieri sera a Lugano sono stata testimone di un atto di grazia. Sul palco di POESTATE 2012, due sistemi di comunicazione sono entrati in contatto in forma poetica, la lingua orale e la lingua dei segni. L'associazione Uniwording ha così omaggiato il poeta Giancarlo Majorino e la sua opera. Ma il risultato di quest'azione artistica è andato decisamente più in là: lo stesso poeta, alla fine dell'esecuzione, ha intravisto come il mettere in relazione poesia e linguaggio dei segni spalanchi delle possibilità creative in campo artistico ancora poco esplorate. Condivido in pieno questo pensiero ampliando il campo in ogni direzione: dalla scienza alla vita quotidiana. 
Non saprei dire cosa mi ha affascinato di più: se vedere le parole in movimento; se percepire il testo poetico visibile e concreto, fatto di dita, mani, braccia, busto, spalle, occhi, bocca, corpo. Non saprei. Ciò di cui sono certa è che le parole tutto d'un tratto sono diventate corpo e viceversa. Questo passaggio intimo e relazionale ha qualcosa in sé di magico e fondativo: per troppo tempo la nostra cultura si è basata su uno stile conoscitivo disincarnato, il pensiero scisso dalla corporeità e il lessico distaccato dalla nostra vita. Quante parole vuote, quante chiacchiere inutili, quanti pensieri già pensati in cui basta inserire solo il pilota automatico senza prestare attenzione. Invece ieri suono, segno, immagine e gesto hanno acquisito senso dentro le relazioni in una ricomposizione armonica (di grazia appunto!) di parole e di corpo. Movimenti essenziali, senza orpelli, parole piene, intense, corporee. Non c'è stato un prevalere di un linguaggio sull'altro né il disprezzare la parola a favore del linguaggio dei segni. Tutt'altro: si è restituito il corpo alla parola e la parola al corpo. L'Associazione Uniwording, alla sua prima apparizione pubblica - ieri 2 giugno 2012 - ha adottato un approccio estetico di unificazione tra saperi, tra sordi e udenti, tra parole vive ancora in grado di comunicare la vita. È stato respiro, emozione, piacere di gustare le parole con tutto il corpo. Uniwording ha mosso un primo passo per rendere la comunicazione linguistica viva e curante e ci chiede di diventare attori comunicativi, vivi e corporei, di superare i recinti mentali dei pensieri ovvi, di connettere e di sperimentare la bellezza dell'ascolto, della profondità e dell'integrazione nel rapporto con il mondo. Come scrive il filosofo Merlau-Ponty “le cose cambierebbero se considerassimo il senso emozionale della parola, […] il suo senso gestuale”.  Uniwording è all'inizio di questo cammino.

Barbara Sangiovanni